La dura vita del portiere

Sven Ulreich è l’eroe negativo della serata del Bernabeu. L’errore che ha consegnato al Real il gol del 2-1 è ai limiti del tragicomico. Il retropassaggio di Tolisso non è certo il massimo ma l’infortunio del portiere è di quelli da ricordare per diverso tempo.

https://twitter.com/DeFutbollMX/status/991406119510659072

La foto finale, con Ulreich da solo a fine partita, disperato per l’errore che ha pregiudicato la rimonta della sua squadra, merita però una piccola considerazione.

Quello del portiere è il ruolo più bistrattato: mentre un attaccante può permettersi di sbagliare più volte durante una partita l’estremo difensore ha sulle spalle una pressione maggiore, perché un errore piccolo o grande che sia significa gol subito nella stragrande maggioranza dei casi.

Mentre un Cristiano Ronaldo può mandare una palla sopra la traversa che tanto, entro la fine della partita, un’altra buona gli capiterà e l’errore di prima non lo ricorderà nessuno, il portiere ogni volta che toppa prende gol a meno di miracoli di un difensore a caso sulla linea di porta.

È un ruolo bastardo, insomma. Perché è molto più facile essere coglioni che eroi. Puoi salvarne nove, ma se quella che ti scappa è ridicola nessuno ricorderà le altre e soprattutto ci sarà sempre qualcuno pronto a deriderti. Esattamente all’opposto rispetto all’attaccante: puoi sbagliarne nove, ma se metti dentro la decima e magari è quella dell’1-0 è tutto a posto: sei l’eroe della serata.

Ovviamente, è il mio ruolo. O meglio, lo è stato. Diverso, più difficile, più psicologico degli altri, perché nel gioco di squadra tu sei l’unico che sta sempre solo, lontano dai compagni.

Il ruolo meno rispettato ma il più complicato. E, per me, il più bello, anche nelle serate peggiori. Ecco perché, nonostante l’erroraccio, un po’ per Ulreich mi spiace. So, nel mio piccolo, cosa si prova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.